RIPARTI

Avviso

Obiettivi generali e finalità dell’intervento

L’intervento “RIPARTI”, come definito dalla DGR n. 1573 del 30/09/2021, si colloca all’interno della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, inclusiva e sostenibile, la quale, fissando gli obiettivi da raggiungere entro il 2020, ha ribadito il ruolo determinante che la ricerca riveste sul fronte dell’innovazione e dello sviluppo del tessuto socio-economico-industriale coerentemente con la Smart Specialization Strategy della Regione Puglia. Fondamentale importanza riveste a tale scopo lo sviluppo di competenze specifiche finalizzate allo sviluppo di ricerche innovative in grado di fondere la conoscenza e l’innovazione con la richiesta dei fabbisogni del tessuto economico-sociale. Come recentemente richiamato a livello internazionale, le competenze sono essenziali per consentire agli individui e ai Paesi di prosperare in un mondo sempre più complesso, interconnesso e in rapida evoluzione (OCSE, 2019). Le analisi empiriche mostrano come i Paesi in cui gli individui sviluppano forti competenze, continuano ad apprendere lungo tutto il corso della loro vita ed utilizzano pienamente ed efficacemente le competenze apprese registrano migliori risultati in termini di produttività, innovatività e di migliore qualità della vita. Pertanto, le politiche in materia di competenze rivestono un ruolo centrale nel preparare il percorso di sviluppo dei Paesi. La Regione Puglia, in coerenza con i predetti obiettivi, nell’ambito dell’Asse X – “Investire nell’istruzione, nella formazione e nell’apprendimento permanente”, intende aumentare la qualificazione del sistema regionale dell’istruzione, della formazione e del lavoro e rafforzare le competenze specifiche creando reti tra università, centri di ricerca e mondo produttivo con particolare attenzione alla promozione della ricerca e dell’innovazione.

La Puglia può contare a tal proposito su un significativo patrimonio di imprese, risorse umane di eccellenza, di luoghi dove si produce e si pratica conoscenza, scienza e ricerca, nonché di valori, tradizioni, creatività, costantemente sostenuti nella sperimentazione di nuove politiche della crescita. Questo è il patrimonio su cui si intende far leva per sviluppare competenze partecipative e promuovere il rispetto della cultura delle diversità, della trasparenza e della responsabilità, sviluppando nella comunità pugliese la cultura del networking, dell’innovazione, della qualità della vita e dei servizi anche attraverso la risposta della ricerca alle sfide sociali, uno degli aspetti maggiormente qualificanti di Horizon Europe 2021-2027 ed il Programma Quadro di Ricerca e Innovazione (2021-2027).

Attraverso l’iniziativa “RIPARTI”, la Regione Puglia intende realizzare e sostenere un circuito virtuoso che veda la ricerca applicata all’industria, come fattore determinante per lo sviluppo territoriale, in termini di sostenibilità, innovazione, investimenti sul proprio capitale umano, capacità di programmare il passaggio generazionale, internazionalizzazione, legame con il territorio e con le proprie filiere produttive.
All’interno e in conformità con tali orientamenti, la finalità dell’intervento è quella di stimolare i soggetti che a diverso titolo operano in Puglia nel campo della ricerca (Università ed EPR), a superare i confini delle loro traiettorie individuali, favorendo la formazione, attraverso il finanziamento di assegni di ricerca professionalizzanti, di nuovi ricercatori e l’inserimento nel sistema produttivo regionale di alte professionalità in grado di rispondere ai fabbisogni di innovazione espresso dallo stesso.

L’Amministrazione regionale, nell’ambito dell’ordinaria attività di pianificazione strategica attraverso cui definisce il sistema di azioni da mettere in campo per il perseguimento della policy regionale nel settore dello sviluppo delle competenze, della ricerca e dell’innovazione, ha individuato negli ambiti di ricerca definiti dall’European Research Council (allegato 2a) e nelle filiere produttive regionali (allegato 2b), identificate sulla base dei distretti produttivi presenti nel territorio pugliese, riconosciuti dalla L. R. n. 23/2007, i temi a cui le Università nonché gli EPR, in collaborazione con un’impresa privata, dovranno riferirsi per proporsi e candidare i propri progetti di ricerca.

Documenti